Ormea

Intestazione della pagina

 

Contenuto principale della pagina

 

Economia

Trasporto del fieno su slittaL’economia di Ormea negli ultimi 150 anni ha subito due trasformazioni radicali, da paese totalmente agricolo, con la popolazione distribuita per il 50% nelle frazioni si passa alla fine dell''800 ad una trasformazione in senso industriale e turistico.

 

 

 

 

 

il treno alla stazione di NasagòGrazie alla ferrovia, che agevolava le comunicazioni, Ormea divenne un centro turistico di risonanza europea.

 

 

 

 

Grand HotelÈ di quel periodo la costruzione del Grand Hotel frequentato dalla nobiltà inglese, francese e tedesca; per alcuni villa pinusanni funzionò anche una sede estiva del casinò di Sanremo. Si costruirono ville per la villeggiatura da parte di nobili famiglie europee.

 

 

 

 

 

 

 

lavoro in cartieraLa ricchezza di acqua facilitò la costruzione nel 1903 di una cartiera che diventò presto importante per la produzione di carte molto sottili: carta da sigarette per il mercato del Medio Oriente e da condensatori.

Specialmente dopo il secondo conflitto mondiale, con lo spopolamento delle frazioni ed il declino del turismo di elite, l’economia ormeese divenne sempre più cartierocentrica e quando, alla fine del secolo scorso, entrò crisi quell’unico grande stabilimento entrò in crisi tutto il paese.

Il comune conobbe un pesante calo demografico ed un forte aumento dell’età media dei residenti. La maggior parte della popolazione attiva si riversò nel terziario.

Visure camerali
 
 
 
 
 
 

Impianti elettrici, energetici e di riscaldamento

 
 

Industrie

 
 
 
 

ASL

medici, veterinari, farmacie

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

^ torna a inizio pagina

 

Piè di pagina

 
 
Powered by Quintetto S.r.l.